La sede della Federal Reserve.

La settimana in breve: La Fed punta a ulteriori rialzi dei tassi di interesse, l'economia cinese si indebolisce

10 minuti di lettura
18 ago 2023

19/08/2023: La Fed valuta un ulteriore aumento dei tassi di interesse a causa delle preoccupazioni sull'inflazione, l'oro registra una modesta ripresa, i dati economici della Cina al di sotto delle aspettative, Fitch Ratings mette in guardia contro possibili declassamenti delle banche statunitensi. E molto altro.

💡Citazione della settimana

"Se la Cina starnutisce, il mondo intero è destinato a prendere il raffreddore? L'iniezione di fiducia che l'espansione cinese ha dato all'economia globale negli ultimi due decenni sta per svanire." John Authers, redattore senior per i mercati

Notizie dal mondo degli investimenti

Jerome Powell, presidente della Federal Reserve

🇺🇸 🏦 La Fed valuta ulteriori rialzi dei tassi di interesse a seguito delle preoccupazioni sull'inflazione. Secondo i verbali recentemente pubblicati, i funzionari della Fed stanno valutando la possibilità di ulteriori rialzi dei tassi di interesse a causa dei timori associati all'inflazione persistente. La discussione sul rialzo dei tassi di un quarto di punto durante la sessione di luglio ha sottolineato come l'aumento dei prezzi debba essere affrontato con maggiore vigilanza. La maggior parte dei membri ha inoltre riconosciuto la necessità di un possibile ulteriore inasprimento. (CNBC)

Pur riconoscendo la necessità di affrontare un'inflazione "inaccettabilmente elevata", i verbali hanno evidenziato un certo margine di incertezza riguardo agli effetti cumulativi dei precedenti inasprimenti della politica monetaria. I partecipanti alla riunione si sono mostrati generalmente favorevoli al rialzo dei tassi, sebbene alcuni abbiano espresso delle riserve e suggerito un rinvio della decisione da parte della commissione per valutare le ripercussioni dei rialzi precedenti sull'economia.

⭐ Leggero rimbalzo. L'oro ha registrato una ripresa marginale dai minimi degli ultimi cinque mesi grazie all'indebolimento del dollaro e a una riduzione dei rendimenti obbligazionari, pur rimanendo in rotta verso un calo settimanale. Il metallo prezioso è salito dello 0,2% per raggiungere i 1.892,30 $ l’oncia venerdì, dopo aver registrato il livello minimo da metà marzo soltanto il giorno prima.

Nel frattempo, il prezzo spot dell'argento è salito dello 0,4%, raggiungendo i 22,78 $. Anche il platino è salito dello 0,6%, raggiungendo quota 894,72 $, mentre il palladio ha registrato un incremento dello 0,4%, raggiungendo i 1.221,48 $. Tuttavia, si prevede un calo settimanale per quanto riguarda sia il platino che il palladio.

🇨🇳 L’incertezza economica della Cina. Gli ultimi dati economici cinesi relativi al mese di luglio sono stati al di sotto delle aspettative, suscitando timori per l'inflazione a causa delle scarse prestazioni degli indicatori chiave. In particolare, sono mancati i dati sulla disoccupazione giovanile, che negli ultimi mesi ha registrato livelli record. Le statistiche hanno inoltre fatto luce sulle sfide associate al settore immobiliare e sul cambiamento di orientamento nelle politiche del paese, che cerca di bilanciare la crescita economica con i rischi potenziali ad essa associati. (CNBC)

Mentre le vendite al dettaglio hanno registrato un aumento del 2,5%, un dato inferiore rispetto all'aumento previsto del 4,5%, la produzione industriale è cresciuta del 3,7%, un altro dato al di sotto della crescita prevista del 4,4%. Analogamente, anche gli investimenti in capitale fisso, aumentati del 3,4% nei primi sette mesi dell'anno, sono scesi al di sotto delle previsioni del sondaggio Reuters del 3,8%.

I dati sulla disoccupazione giovanile restano comunque i grandi assenti all'appello. La fascia di età compresa tra i 16 e i 24 anni ha registrato livelli di disoccupazione di gran lunga superiori rispetto al tasso di disoccupazione generale, culminando in uno sconcertante 21,3% nel mese di giugno.

📉 Ridimensionamento delle previsioni. Nomura Holdings Inc. ha rivisto le sue previsioni di crescita per la Cina, prevedendo un'espansione del 4,6% per quest'anno a causa della persistente debolezza delle prestazioni economiche e delle sfide in corso. Le previsioni della banca, in calo rispetto alla stima prevista del 5,1%, riflettono le preoccupazioni associate ai dati più deboli del previsto del mese di luglio e alla continua "spirale negativa" dell'economia cinese. (Bloomberg)

Allo stesso modo, anche altri colossi finanziari hanno modificato le loro previsioni sulla traiettoria di crescita della Cina. Morgan Stanley ha recentemente rivisto la sua proiezione di crescita per il 2023 al 4,7%, mentre JPMorgan Chase & Co. ha ridotto le proprie previsioni al 4,8%.

🌏 La Cina fa vacillare i mercati globali. I mercati di tutto il mondo hanno subito un'ondata di sell-off causata dalle crescenti preoccupazioni per le condizioni economiche della Cina e dall'aumento dei tassi di interesse globali. Questa flessione ha interessato diversi asset di rischio, tra cui le azioni europee, i titoli asiatici e le criptovalute. (Bloomberg)

L'indice di riferimento Stoxx 600 è sceso dello 0,4%, determinando il terzo calo settimanale consecutivo. Si tratta della più lunga serie negativa registrata in quasi un anno. Nel frattempo, anche le azioni asiatiche si sono ritrovate sotto pressione, con i benchmark azionari di Giappone, Cina e Corea del Sud in perdita.

🇬🇧 Le preoccupazioni sull'inflazione nel Regno Unito si intensificano nonostante il calo del tasso complessivo. Il tasso annuo di inflazione dei prezzi al consumo è sceso al 6,8% nel mese di luglio rispetto al 7,9% di giugno, un calo attribuito alla diminuzione dei prezzi dell'energia. (Reuters)

Questo calo è in linea con le previsioni sia della banca centrale che degli economisti intervistati da Reuters. Tuttavia, le misure dell'inflazione di fondo, che escludono i prezzi dell'energia e dei generi alimentari, rimangono elevate, con un tasso invariato di inflazione core pari al 6,9%, uguale a quello registrato nel mese di giugno.

🇷🇺 🏦 In rotta di collisione. La Banca centrale russa ha adottato misure urgenti per contrastare la svalutazione del rublo e l'aumento dell'inflazione, rialzando i tassi di interesse di 350 punti base al 12%.
Il rublo ha subito una brusca flessione, sfiorando i 102 per un dollaro, sollevando preoccupazioni sul suo valore e sull'inflazione. (CNBC)

La Banca ha dichiarato che il rialzo d'emergenza dei tassi di interesse di martedì è finalizzato a "limitare i rischi per la stabilità dei prezzi" dovuti all'"aumento delle pressioni inflazionistiche," dato che la crescita media dei prezzi correnti è stata pari al 7,6% annuo destagionalizzato negli ultimi tre mesi, mentre l'inflazione core è salita al 7,1% nello stesso periodo.

🤒Crisi bancaria. Fitch Ratings ha avvertito della possibilità di declassamento del rating di decine di banche statunitensi, tra cui importanti società come JPMorgan Chase. Sebbene Fitch avesse già rivisto al ribasso la sua valutazione sullo stato di salute del settore a giugno, l'operazione non ha portato a un declassamento immediato. Tuttavia, un ulteriore declassamento del punteggio del settore da A+ ad A- potrebbe indurre Fitch a rivalutare i rating di oltre 70 banche statunitensi. (CNBC)

Una simile mossa potrebbe comportare rating negativi, influenzando i costi di prestito e i contratti delle banche. L'incertezza sui tassi di interesse e le possibili insolvenze sono fattori chiave che influenzano questa decisione.

🇮🇹 Italia: la situazione caro benzina resta stabile. A poco più di due settimane dall’entrata in vigore dell’operazione cartelloni per rendere il prezzo dei carburanti più trasparente, esponendo il costo medio nazionale accanto a quello stabilito dai benzinai, i risultati ottenuti sono tutt’altro che incoraggianti. La misura non sembra essere riuscita nell’intento di evitare i rincari, determinando piuttosto un aumento costante di benzina e gasolio, rispettivamente fino a 4 e 7 centesimi. Secondo i dati forniti dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, il prezzo medio della benzina in autostrada ha raggiunto i 2,019 euro al litro, mentre quello del gasolio 1,928 euro: a inizio agosto i prezzi medi ammontavano invece rispettivamente a 1,984 euro e 1,854 euro al litro. Una situazione in costante escalation, esplosa a Ferragosto sull’autostrada A8 nell’area di servizio di Villoresi Ovest, dove si è arrivati a oltre 2,7 euro al litro. (Il Post)

Tuttavia, secondo quanto affermato dal ministro competente Adolfo Urso, la situazione sarebbe tutt’altro che fuori controllo. Sempre secondo Urso, “il prezzo industriale della benzina non tiene conto delle accise ed è pertanto inferiore rispetto a quello di altri Paesi europei”. Sono però proprio le accise uno dei fattori principali responsabili dell’aumento dei prezzi dei carburanti: nel corso dello scorso anno, il governo Draghi aveva imposto un taglio delle accise di 25 centesimi al litro per benzina e gasolio con l’obiettivo di fermare i rincari. Il nuovo governo Meloni ha invece ridotto il taglio a 15 centesimi al litro, per poi rimuovere completamente il cosiddetto “sconto sulle accise”.

📸 Immagine della settimana

Un meme che prende in giro gli infiniti rialzi dei tassi della Fed
Avevi detto niente più rialzi dei tassi di interesse! In realtà ho detto: "No, più rialzi dei tassi di interesse".

L’opinione

Tempio taoista di Yuanxuan a Canton, Cina
Tempio taoista di Yuanxuan a Canton, Cina

🤔 “Essendo la seconda economia mondiale, la domanda sorge spontanea: il resto del mondo può prosperare se la Cina è in difficoltà?" La risposta in sintesi è: nel lungo periodo, non molto. (Bloomberg Opinion)

“L'allarme lanciato dai funzionari occidentali è sempre più assordante. La segretaria al Tesoro USA Janet Yellen ha dichiarato che il rallentamento cinese rappresenta un "fattore di rischio" per l'economia statunitense, mentre il presidente Joe Biden l'ha definito una "bomba a orologeria." ...Bloomberg Economics ritiene che questi timori siano esagerati e che un rallentamento contenuto della crescita cinese avrebbe solo un "impatto limitato sull'economia statunitense," scrive John Authers.

Altre notizie

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente della Corea del Sud Yoon Suk Yeol si stringono la mano.
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente della Corea del Sud Yoon Suk Yeol si stringono la mano. Fotografia: Brendan Smialowski/AFP/Getty Images

🤝 Vertice storico tra Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud. In un contesto di forti tensioni geopolitiche, il presidente Joe Biden ha accolto il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente della Corea del Sud Yoon Suk Yeol a Camp David per un vertice trilaterale. L'evento segna una svolta nelle relazioni, in particolare tra la Corea del Sud e il Giappone, paesi storicamente segnati da tensioni derivanti dalle azioni intraprese dal Giappone nella penisola coreana. (Bloomberg)

Questo vertice simboleggia il crescente allineamento tra Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud in risposta all'assertività militare e alle strategie economiche della Cina. Nonostante le preoccupazioni comuni, permangono differenze nel modo in cui ciascun alleato è pronto ad affrontare la Cina. Si prevede che il vertice porti ad accordi sul rafforzamento della comunicazione, sulle esercitazioni militari congiunte e sulle misure di difesa.

🇦🇷 Colpo di scena nella elezioni primarie in Argentina. Con un sorprendente colpo di scena nelle elezioni primarie argentine, gli elettori hanno inferto un duro colpo alle forze politiche consolidate del paese.
L'economista liberale Javier Milei è emerso come l'inaspettato favorito con il 30,5% dei voti, ribaltando ogni pronostico e superando sia il blocco conservatore dell'opposizione che la coalizione peronista al governo. (Reuters)

Con lo spoglio dei risultati preliminari di circa il 90% delle schede elettorali, l'inatteso vantaggio di Milei ha assunto un ruolo centrale. Il principale blocco dell'opposizione conservatrice ha ottenuto il 28% dei voti, mentre la coalizione peronista al governo si è assicurata il terzo posto con il 27%.

Questo cambiamento sismico nel panorama politico riflette un livello generale di insoddisfazione diffusa nei confronti di un'inflazione galoppante e delle turbolenze economiche, mentre l'audace programma di Milei come outsider ha risonanza soprattutto tra i giovani.

🇿🇦 Vertice BRICS. Il Sudafrica si prepara a ospitare un vertice cruciale per il gruppo di paesi BRICS, con l'obiettivo di contrastare il dominio occidentale e superare le divisioni interne. A questo incontro di alto profilo parteciperanno almeno 40 capi di Stato e di Governo, tra cui Cyril Ramaphosa, Xi Jinping, Narendra Modi e Luiz Inacio Lula da Silva. Vladimir Putin parteciperà virtualmente per evitare il possibile arresto per presunti crimini di guerra che pende sulla sua testa in caso di ingresso nel paese. (Bloomberg)

In vista dei cambiamenti finanziari globali, il vertice sarà l'occasione per discutere della riduzione dell'uso del dollaro USA nei pagamenti internazionali. Gli eventi recenti, come l'aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti e i cambiamenti geopolitici, hanno portato a dibattiti sull'uso delle valute nazionali per il commercio e sulla creazione di un sistema di pagamenti condiviso.

La Nuova Banca di Sviluppo (NDB) sta diventando un attore chiave nella promozione della collaborazione economica tra le nazioni BRICS. Con un aumento del 56% degli scambi bilaterali in cinque anni, la NDB mira a facilitare le transazioni e i prestiti in valuta locale.

E infine…

Cranio di Homo erectus
Cranio di Homo erectus

🧊 Notizie fresche dalla storia dell'umanità. I ricercatori hanno portato alla luce le prove di un massiccio raffreddamento nell'Atlantico settentrionale avvenuto circa 1,1 milioni di anni fa e durato per circa 4.000 anni. Paragonabile alle recenti ere glaciali, questa era si è rivelata fatale per i primi esseri umani in Europa, ritenuti essere Homo erectus, scomparsi a causa della mancanza di cibo e del freddo estremo. (Reuters)

L'antropologo Chris Stringer, co-autore dello studio pubblicato sulla rivista Science, ha dichiarato: "È probabile che sia avvenuta una completa estinzione dei primi esseri umani in Europa, forse per un periodo di tempo considerevole, seguita dal ritorno di una popolazione completamente nuova."

Sebbene il bilancio esatto di questo evento rimanga incerto, le stime suggeriscono che la popolazione dei primi esseri umani in Europa in questo periodo fosse relativamente piccola, probabilmente nell'ordine di decine di migliaia.

 

Alla prossima settimana!

 

Compro oro - Compro argento